Intervista con l’artista: Ca’Reggae

Ca’Reggae (Cristian Licata © 2011)
Prosegue questa rubrica per il gruppo musicale più numeroso che si sia mai esibito sul palco del Barone Rosso (e credo manterrà questo record per un bel po’, se escludiamo i cori, per i limiti fisici del palco). 

Risponde a nome del gruppo il cantante e front-man dei Ca’Reggae: Jacopo “Coja” Carlon. Potete trovare qualche foto della serata sempre su questo blog cliccando qui. In fondo a questa intervista invece trovate una loro canzone da ascoltare per conciliare la lettura. 

wb: Ciao Ca’Reggae e grazie per la bella serata che avete fatto al Barone. Siete un progetto interessante, proponete pezzi vostri, siete bravi musicisti e sapete stare sul palco. Questa intervista viene realizzata in occasione del prossimo vostro video. Di che canzone girate il videoclip? Di cosa parla la canzone?



JC: Innanzi tutto grazie a voi della calorosa ospitalità. Il nuovo video della canzone “Pianta la Musica”, girato tra le calli della magica Venezia, uscirà questa primavera/estate. La canzone è una sorta di inno all’amore, alla musica ed alla crescita personale dove la semplicità è la chiave per la felicità. Una canzone che, già dal nome, vuole spiegare che tutte le cose hanno biosogno di una grossa quantità di attenzione per poter crescere e consolidarsi. Da questo il nome pianta la musica perchè, una vita senza musica, è come una terra senza alberi… non potrebbe funzionare.

wb: Siete in dieci tra musicisti e cantanti, ovviamente non siete tutti uguali. Quali background avete e cosa vi accomuna?

JC: Effettivamente siamo un gruppo numeroso, tutti artisti spinti dalla passione per la musica. Un unione, oltre che professionale, familiare che trova sempre il pretesto per poter star insieme e creare situazioni che possano abbracciare sempre più persone positive come voi. Voglio citare una frase che disse “Fedro” (partecipante del GF3 e speaker di Radio Piterpan 2011), per presentarci sul palco, in Prato della Valle – PD, del Festival Show 2011: “Siamo tutti Fratelli di madre diversa!” 
wb: Suonate spesso in giro anche su palchi importanti per lo scenario reggae italiano e non solo. Di quale concerto (ad esclusione di quello del Barone Rosso, ovviamente) avete un ricordo più intenso o particolare? 
JC: Senz’altro ci sono restate nel cuore le esibizioni sui palchi delle edizioni del “Rototom Sunsplash” italiano, edizioni dal 2000 al 2005 tenutesi al Parco del Rivellino ad Osoppo -UD, e di quelle al “Venice Sunsplash”, il festival della musica reggae internazionale,che ha visto sul palco artisti come Shaggy, Andrew Tosh (figlio del famoso Peter Tosh), Israel Vibration e molti altri, nato dopo il tramonto del Rototom.
Una data indimenticabile è, inoltre, quella che abbiam vissuto sul palco del Marghera Village, edizione 2011, di fronte a 5000 persone che cantavano ed esultavano le nostre canzoni. Impossibile dimenticare la giornata a “Sala Prove”, trasmissione dell’emittente televisiva Rock TV, la quale si può trovare il video della nostra performance in diretta attraverso il nostro canale nella rete web di Youtube.
Starei ad elencare tantissime altre date poiché, per noi, sono tutte un’esperienza magnifica… ogni serata è carburante per il nostro cuore! 

wb: Il mondo reggae è variegato e ricco di sfaccettature: a quali artisti si avvicina di più il vostro stile? 

JC: essendo musicisti provenienti da varie culture musicali cerchiamo di fondere le varie esperienze riproducendole in chiave reggae cercando, comunque, di mantenere un sound innovativo ed al passo con le nuove tendenze provenienti dall’isola caribica e dal panorama internazionale.
Io, nella musicalità dei testi, mi sono sempre ispirato ad artisti come Steel Pulse, Aswad, Third World e non nego di esser cresciuto ascoltando le canzoni dei Reggae National Ticket, gruppo che ha visto nascere una stella del reggae come Alborosie, e degli Africa Unite. Penso che lo stile di un artista sia dato soprattutto dalla musica che ascolta e con l’esperienza e lo studio possa dare il suo notevole contributo all’evoluzione della stessa. Per questo, i Ca’ Reggae, hanno delle sfaccettature di Reggae e Pop contemporaneo… una continua evoluzione.


wb: Nella vita di tutti i giorni è già difficile mettersi d’accordo in due persone, voi siete in dieci: come fate? C’è una leadership oppure si cerca sempre la condivisione più assoluta? Oppure non avete di questi problemi e con un “daghe de reggae” risolvete tutto?

JC: Ovviamente, nella gestione di un gruppo, la cosa fondamentale è avere un obbiettivo comune “chiaro” e “trasparente”, condiviso e sostenuto da tutti. All’interno del gruppo ci sono, inevitabilmente, dei ruoli ben definiti per poter dividere i difficili compiti e per poter alleggerire il carico delle responsabilità che, altrimenti, dovrebbe prendere una persona sola. Noi preferiamo mantenere una leadership solida , per fattori di comodità decisionale, che si occupa del management della band, del booking, della promozione e di tutte quelle cose di cui necessita la band.
L’esclamazione “daghe de reggae” , comunque, risolve sempre tutto.

wb: Progetti per il futuro? 
JC: A breve usciremo a livello nazionale con l’album “schiavi di regole”, prodotto da Klasse Uno S.r.l. in una veste tutta nuova e con pezzi ri arrangiati in collaborazione con vari artisti, e con il nuovo video di “pianta la musica” attraverso i maggiori canali di informazione nazionale. Potrete quindi chiedere le nostre canzoni alle emittenti radiofoniche che preferite. Poi, per l’inverno 2012, vi faremo delle belle sorprese frutto di collaborazioni con artisti del calibro di Skardy & Farheneit451, Ska-J, Puppagiallo,Rumatera, Herman Medrano e molti altri.. un anno tutto da scoprire assieme. Vi aspettiamo ai nostri concerti! Stay Postive!
Se qualcuno non l’avesse capito wb sta per webstaff baronerosso mentre JC per Jacopo Carlon. Chiudo ringraziando ancora per il concerto e la disponibilità ed aggiungo i loro contatti per chi fosse interessato.

mail: careggae@libero.it
facebook: ca reggae
youtube: youtube.com/careggae0000
myspace: myspace.com/careggae

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...